Dona il tuo 5x1000 alle missioni agostiniane C.F. 97088690587

Un Saluto a Padre Marco

Salmo 16 (15), 11

Mi indicherai il sentiero della vita,

gioia piena alla tua presenza,

dolcezza senza fine alla tua destra.

 
Sono Marco Morasca originario di Bellagra (Roma) dove sono nato nel 1940.
Ho avuto una formazione umanistica e spirituale con i religiosi dell'ordine di Sant'Agostino.
Dopo l'ordinazione sacerdotale sono stato destinato a lavorare con i giovani. Prima a Riano Flaminio e poi a Maenza (LT). Questa esperienza ha marcato profondamente la mia esistenza aprendomi a nuovi orizzonti.
Poi si è verificato un fatto che ha dato una svolta nuova alla mia vita è successo questo. Nel 1968 i religiosi Agostiniani d'Italia aprono una missione nelle alte montagne del Perù: la famosa cordigliera delle Ande. Un mondo nuovo e affascinante in un contesto molto difficile da tutti i punti di vista, per una persona che proviene da una cultura differente ed abitudini di vita agiate.
Il responsabile della missione è Mons. Renzo Miccheli di Roma. A Viterbo è stato mio formatore e maestro già allora ci parlava della missione della Chiesa in modo concreto.
Poi arriva una proposta.
Un giorno, era il 1977, mi disse: “Marco perché non vieni con me in Perù? Mi farai compagnia per un anno o due, poi tornerai in Italia”. Al momento feci un sorriso e non diedi risposta. Forse non ero preparato a dare una risposta. Cominciavo a valutare la possibilità di cambiare, di fare nuove esperienze. Ma non mi decidevo. Nell'incontro successivo ricevetti la stessa proposta. Questa volta scattò qualcosa dentro di me.
 
Fu come una luce che si accendeva e faceva vedere la mia vita in una realtà molto diversa.
 
(Il cuore di Padre Marco racconta p.12-13)